OPEN
Nessuna immagine

Regolamento

 

REGOLAMENTO INTERNO DELLA CASA DI RIPOSO

Centro Oikos

 

Art. 1

Norme generali di convivenza

Ogni ospite é libero di esprimere la propria personalità e condurre all'interno della Casa di Riposo il tipo di esistenza a lui più confacente, secondo gli usi e le abitudini acquisite da ognuno, sempreché si svolgano nei limiti e nel rispetto delle esigenze degli altri conviventi.

Gli ospiti sono comunque tenuti ad adeguarsi alle decisioni prese dal Responsabile dell'Istituto nell'interesse generale della comunità.

L'ospite deve evitare tutto ciò che può arrecare disturbo agli altri conviventi.

In particolare e espressamente vietato:

- fumare, salvo nei locali ove é consentito,

- tenere animali in camera.

 

Art. 2

Alloggio

All'ospite, con suo provvedimento insindacabile, verrà assegnata da parte del Responsabile una stanza a due o più letti, compatibilmente alla disponibilità dei posti. Il Responsabile ha facoltà di trasferire l'ospite in altra stanza qualora ciò, a suo insindacabile parere, sia richiesto da esigenze della vita comunitaria.

 

Art. 3

Uso degli spazi comuni

Gli ospiti hanno uguale diritto ad usufruire di tutti gli spazi comuni della Casa, strutturata in modo tale di salvaguardare al massimo le esigenze di individualità di ognuno e nel contempo favorire la vita di relazione.

Spetta al Responsabile determinare gli orari riservati al riposo pomeridiano e notturno, durante i quali sono sospese le attività maggiormente rumorose.

 

Art. 4

Servizi terziari

Agli ospiti viene assicurato un adeguato servizio di accoglienza alberghiera, nel pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie, con trattamento di ospitalità residenziale.

Tale accoglienza prevede:

- servizio di ristorazione;

- servizio di pulizia delle stanze e degli spazi comuni;

- servizio di guardaroba.

 

Art. 5

Servizio di ristorazione

Gli orari per la somministrazione dei pasti vengono fissati con provvedimento del Responsabile della Casa, sentite le proposte degli ospiti.

 

Art. 6

Consumazione dei pasti

I pasti vengono normalmente consumati nell'apposita sala da pranzo.

In casi particolari può essere previsto il servizio di pasto nella stanza dell'assistito.

 

Art. 7

Regime dietetico

La cucina é adeguata alle esigenze dell'anziano.

Le tabelle dietetiche vengono fissate con provvedimento del Responsabile della Casa.

Per gli ospiti che abbisognano di diete particolari per motivi di salute si provvede, su indicazione del medico, alla somministrazione di una dieta adeguata.

 

Art. 8

Orario di uscita

Gli ospiti sono liberi di uscire e rientrare nella Casa quando lo desiderano dalle ore 8.00 e alle ore 22.00.

Per i rientri serali potranno essere concesse deroghe da parte dei Responsabile della Casa, su richiesta, sempre nel rispetto delle regole di convivenza.

 

Art. 9

Assenze temporanee

Se l'ospite desidera assentarsi dalla Casa per alcuni giorni deve comunicare preventivamente e per iscritto al Responsabile la data in cui intende lasciare la Casa e quella presunta di rientro.

 

Art. 10

Visite di parenti ed amici

I familiari e gli amici degli ospiti possono accedere alla Casa, sempre nel rispetto della vita comunitaria ed in modo da non arrecare intralcio all'andamento dei servizi.

L'ingresso é precluso durante le ore di riposo.

Gli ospiti sono tenuti ad indicare fin dal momento dell'ammissione, il nominativo e l'indirizzo di un parente o conoscente cui far riferimento per qualsiasi esigenza.

 

Art. 11

Corredo personale

Gli ospiti possono portare e trattenere nella Casa gli oggetti personali che desiderano, sempre che gli stessi non siano di ingombro o di disturbo alla convivenza.

Dell'ingombro e del disturbo alla convivenza decide il Responsabile con suo provvedimento insindacabile

 

Art. 12

Responsabilità dell'Amministrazione

Il Responsabile della Casa, esclusa l'ipotesi di cui all'art. 13 del presente regolamento, non è tenuta alla custodia, e pertanto non risponde per nessun titolo di eventuali smarrimenti, furti o danni alle cose.

 

Art. 13

Custodia di valori

Qualora l'ospite voglia affidare la custodia di somme di denaro, per un importo massimo di € 100, potrà depositarle presso il Responsabíle ricevendone prova di deposito.

Anche del prelievo, totale o parziale, della somma depositata verrà rilasciato idoneo documento probatorio.

In caso di morte i valori depositati e gli oggetti personali del defunto potranno essere ritirati dai legittimi eredi.

A tal fine colui o coloro che si dichiarano eredi dovranno attestare la propria titolarità successoria mediante idoneo atto notorio o notarile.

 

Art. 14

Collaborazione ed esecuzione di lavori da parte degli ospiti

A seconda delle proprie preferenze ed attitudini, l'ospite potrà richiedere di essere coinvolto gratuitamente in attività di collaborazione ed esecuzione di lavori attinenti la vita comunitaria quali cucina, giardinaggio, guardaroba o qualsiasi altra attività che l'ospite desidera praticare e che sia utile alla comunità.

 

Art. 15

Collaborazione esterna

L'Amministrazione Comunale favorisce l'intervento dei familiari e delle associazioni di volontariato eventualmente operanti nella Casa al fine di elaborare e realizzare attività di socializzazione, ludico-ricreativo, culturali, e di quant'altro possa essere di giovamento agli anziani accolti nell'Istituto.

 

Art. 16

Gestione sociale.

Al fine di promuovere la più ampia partecipazione alla gestione del servizio si attiveranno incontri ed assemblee con i soggetti e rappresentanze sociali interessate. In particolare si promuoveranno sistematici incontri con gli ospiti e con le loro famiglie finalizzati a verificare l'organizzazione dei servizi.

Segnalazioni da parte degli ospiti e loro familiari volte a migliorare il globale andamento della comunità possono essere indirizzate per iscritto al Responsabile della Casa.